Intervista con il CTO Luca Angioloni

15 dicembre 2021

INTERVISTA CON IL CHIEF TECHNOLOGY OFFICER DI AIDIA

Proseguiamo il nostro approfondimento sul dietro le quinte di Aidia e sui suoi tre fondatori. Abbiamo già intervistato il CEO, Riccardo Celli e oggi facciamo quattro chiacchiere anche con uno degli altri due fondatori, il CTO Luca Angioloni.



Luca, abbiamo già parlato con Riccardo, il CEO di Aidia, ma vorremmo conoscere anche la tua prospettiva: com’è nata Aidia? Qual è il vostro obiettivo?

Io, Francesco e Riccardo siamo amici dai tempi dell’Università. Tra noi parlavamo spesso di creare una nostra attività, di costruire qualcosa di nostro e nel 2020, proprio durante la prima fase della Pandemia, abbiamo deciso che era il momento giusto. La pandemia infatti ha cambiato le carte in tavola e messo in evidenza il bisogno di rinnovare il modo di fare impresa, in special modo in Italia. Noi vogliamo essere proprio questo: una forza di rinnovamento per il paese. Siamo appassionati di tecnologia e vogliamo portare le tecnologie più all’avanguardia dentro le imprese, per permettere loro di essere competitive sul mercato globale.


Dentro Aidia il tuo ruolo è quello di CTO. Spiegaci un po' meglio di cosa ti occupi!

Il ruolo del CTO è molto variegato: mi occupo di scegliere le tecnologie, le architetture e le persone più adatte allo sviluppo delle soluzioni e poi mi assicuro che tutto fili liscio e secondo i tempi. Il trucco è riuscire a mettere d’accordo le esigenze del cliente con i limiti del budget, per realizzare una soluzione d’IA elegante e funzionale, che fornisca il miglior servizio possibile. Le possibilità con l’IA sono numerosissime quindi devo assicurarmi di vagliare tutte le opzioni con attenzione.


Cosa ti piace del tuo lavoro?

Che non risulta mai monotono! È un ruolo molto dinamico: devo coordinare diverse responsabilità e le cose da fare sono tante e varie, quindi davvero non posso mai annoiarmi. Inoltre devo confrontarmi costantemente con le novità tecnologiche del settore e questa è una sfida continua: l’IA richiede di mantenersi sempre aggiornati sulle novità, alla frontiera della conoscenza. E a me piace: amo poterne vedere l’evoluzione dall’interno, partecipare attivamente alla creazione di nuove idee e soluzioni.


E nel tuo settore, invece? Cosa ti appassiona dell'Intelligenza Artificiale?

Credo che l’Intelligenza Artificiale e la tecnologia più in generale debbano essere al servizio dell’uomo. Con l’IA al nostro fianco, possiamo pensare di costruire cose ancora più complesse, lavorare meglio, semplificare le procedure più noiose ed eliminare le parti più faticose ed alienanti del lavoro. Questo mi appassiona: la sinergia tra uomo e macchina apre a un mondo di nuove possibilità; permette all’essere umano di occuparsi delle cose davvero importanti e di concentrarsi sull’aspetto creativo.



Si vede che il tema ti appassiona davvero! Grazie al tuo lavoro immagino penserai spesso alle possibili evoluzioni della tecnologia – secondo te quali nuove applicazioni di IA avranno più impatto nel prossimo futuro?

Nei prossimi anni vedremo una vera e propria rivoluzione tecnologica grazie all’Intelligenza Artificiale e credo che, anche se fanno meno scalpore, gli sviluppi più importanti arriveranno proprio nell’ambito produttivo: le applicazioni di IA che si occupano di efficientare il lavoro avranno un impatto enorme. E vale per tutti i settori produttivi: i modelli predittivi aiuteranno qualsiasi tipo di impresa a prendere decisioni migliori, l’automazione dei processi semplificherà anche i lavori più astratti e qualificati, l’automazione industriale rivoluzionerà radicalmente il settore manifatturiero.


Credi quindi che tutte le aziende potrebbero beneficiare dell'IA? Facci un esempio!

Certamente! Anche in aziende più tradizionali, magari artigianali o del settore agroalimentare, l’IA può portare grandi benefici. Un’azienda vinicola o un pastificio potrebbero pensare di non avere alcun bisogno di questa tecnologia così avanzata, ma non è affatto così. Con l’Intelligenza Artificiale si può migliorare l’efficienza delle colture, conoscere il momento migliore di raccolta o avere suggerimenti ottimizzati su come prevenire le malattie delle piante.

Autore

Lisa Bartali

Marketing Specialist in AIDIA, laureata in Studi Internazionali a Firenze, appassionata di storia, economia e delle cose bizzarre del mondo.

Ultime notizie

IA nel 2022
Le tendenze in ambito IA per il 2022

L’Intelligenza Artificiale sta diventando centrale per l’evoluzione dell’economia e della società globale e le novità di anno in anno si moltiplicano, con ramificazioni affascinanti. Introduciamo quali potrebbero essere le evoluzioni più interessanti per il 2022.

Sparks for the New Year
Aidia nel 2022

Facciamo una chiacchierata con il CEO di Aidia, per parlare delle prospettive per il prossimo anno, le tendenze del settore e i nuovi progetti di Aidia.

Regali e IA
Fare regali più intelligenti grazie all'IA

Ogni Natale la ricerca del regalo perfetto è fonte di stress e disagio per molte persone. L'implementazione di Sistemi basati sull'IA potrebbe risolvere il problema.

About Aidia
Intervista con il CTO Luca Angioloni

Conosciamo meglio i fondatori Aidia. Oggi intervistiamo il Chief Technology Officer dell'azienda e approfondiamo con lui le possibilità dell'IA.

Lavora con noi al tuo prossimo progetto

Il nostro team è pronto a mettere a tua disposizione tutte le nostre esperienze e conoscenze per la miglior riuscita del tuo prossimo lavoro.

Parla con i nostri esperti

Hai un nuovo progetto da realizzare?